Università del Salento

Collegamenti ai contenuti della pagina:
unisalento-theme-il-contenuto-pagina
Il menu di navigazione
Motore di ricerca
Area Riservata
Accessibilità






unisalento-theme-contenuto-della-pagina [Inizio pagina]

Valeria Scalone

 

Note biografiche

Nata a Taranto il 21/12/1979, laureata in “Lingue e Letterature Straniere indirizzo in Tecnologia Informatica” (votazione 110/110 e lode) presso l'Università Cattolica del S. Cuore di Milano nel 2003, dove ha anche conseguito oltre alla duplice Specializzazione in “Insegnamento Secondario- Lingua Straniera Inglese” e “Alunni con Disabilità”, anche il Diploma di Master Universitario in “Comunicazione e Formazione”, ha ricoperto il ruolo di Funzione Strumentale Integrazione/inclusione alunni con BES presso l'Istituto Comprensivo Copernico di Corsico (Mi), presso il quale lavora come Docente di Sostegno a Tempo Indeterminato.
Ha inoltre svolto l'incarico di collaboratrice presso il Cetic dell'Università Carlo Cattaneo LIUC di Castellanza (Va) per un progetto di ricerca “REFOCUS-senior employees training on information and communication technologies” finanziato dal FSE.

Progetto di ricerca

Individuazione efficace e precoce dei disturbi ADHD (Attention Deficit Hyperactivity Disorder)  in ambito scolastico e tecniche specifiche di intervento pedagogico

Il progetto intende verificare se sia possibile identificare il disturbo comportamentale ADHD nel contesto scolastico, tenendo conto della percezione soggettiva nella valutazione della sindrome e del fattore ambientale che inevitabilmente ne influenza l'espressione e la espressività. Questa ipotesi comprende anche l'obiettivo di osservare se l'individuazione precoce di tale disturbo sia possibile già nella scuola dell'infanzia.
Come docente mi propongo di rilevare il grado di disordine strutturale nella scuola e le relative variabili da tenere in considerazione (prime tra tutte le condizioni educative incoerenti e l'inadeguatezza dello stile educativo) e di fornire nel contempo degli strumenti e delle strategie per contenere il comportamento imprevedibile ed inadeguato di tali alunni “difficili”.